Giulia: la mia Thailandia in 5 scatti

Ciao! Mi chiamo Giulia, ho 28 anni e sono un’infermiera. All’inizio del 2018 la mia vita personale e professionale è cambiata completamente, e dopo un anno passato a rincorrermi ho deciso di regalarmi un momento di pausa.

Ho sempre vissuto i viaggi come un’opportunità per conoscere l’altro (paese, clima, popolo), questa volta ho deciso che avrei voluto conoscere di più me stessa.

La scelta è caduta sulla Thailandia per una questione climatica ed economica: febbraio è il mese ideale per questa meta, poiché ci si trova nella stagione secca, ed i costi sono tutto sommato contenuti. Come formula di viaggio, per me che sono abituata a girare da sola o con pochi amici ben selezionati, ho voluto osare: sono partita con 15 sconosciuti, con l’idea che sarebbe stato sicuramente divertente ma poco coinvolgente.

Sono tornata con la consapevolezza che i legami creati in questi 10 giorni me li porterò nel cuore e nell’anima tutta la vita: la Thailandia è un paese di contraddizioni, di grande cultura e di trash esagerato, di natura incontaminata e di smog penetrante, di spiritualità e di mercificazione umana.

1

giulia-thai-2019-05-02-alle-16.17.37

I mercati locali, di frutta, verdura, e vestiario, sono sicuramente uno dei “to do” della Thailandia: imperdibili il floating market ed il railway market, entrambi alla periferia di BKK. Per un’immersione totale nella vita della capitale, tutti i weekend è aperto il central market di Bangkok, dove tra bancarelle di souvenir e street food ci si perde nei sapori locali.

2

giulia-thai-2019-05-02-alle-16.17.48

Andare in Thailandia senza visitare le isole Phi Phi è impensabile: sull’arcipelago non esistono mezzi motorizzati, e tutti gli spostamenti via mare sono condizionati dalle condizioni delle maree.

3

giulia-thai-2019-05-02-alle-16.17.55

Fiore all’occhiello di questo magnifico stato sono le Isole Surin, piccoli paradisi tropicali incontaminati che ancora resistono al turismo di massa. Abitate solamente dai ranger del parco naturale e dalla popolazione Moken (gli zingari del mare), offrono lo snorkeling migliore della Thailandia, nonché la possibilità di campeggiare sulla spiaggia. Le espressioni dei bambini Moken davanti ad un gelato regalato hanno valso l’intera esperienza nel mare delle Andamane.

4

giulia-thai-2019-05-02-alle-16.18.03

Ex capitale del Siam, Ayutthaya è la città dei templi, un luogo sospeso nel tempo, in cui si respirano una sacralità ed una pace fuori dal comune. Un luogo da visitare senza pensarci due volte, da visitare noleggiando una bicicletta per spostarsi da un sito all’altro in totale autonomia.

5

giulia-thai-2019-05-02-alle-16.18.23

Il buddhismo theravada, religione ufficiale della Thailandia, è presente non solo all’interno dei templi e dei monasteri, ma pervade ogni luogo e momento della vita dei thailandesi. Dal saluto a mani giunte alla tranquillità e serenità che questo popolo emana, tutto rimanda alla religione buddhista ed ai suoi principi di accoglienza e tolleranza.

Un viaggio appassionante ed emozionante.
Un viaggio fisico, ma soprattutto un viaggio dell’anima.

Ti è piaciuto questo articolo?
Ti consigliamo di dare un occhio al nostro Blog.

Leave a Comment

logo_miniature